Call for Papers: «Immagine e memoria nell’era digitale. Prospettive storiche, filosofiche e antropologiche» (Napoli, 20-22 Febbraio 2019)

(Una versione completa della Call in pdf è disponibile a questo link)

Il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi “Federico II” di Napoli, in collaborazione scientifica con il Collège des Bernardins di Parigi e con il Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’educazione dell’Università di Torino, propone un convegno intitolato “Immagine e memoria nell’epoca digitale. Prospettive storiche, filosofiche e antropologiche”.

Tema del convegno è la questione dell’immagine dal punto di vista filosofico e antropologico, con particolare riferimento alla cosiddetta “rivoluzione digitale”. L’obiettivo è quello di analizzare il modo in cui l’introduzione delle tecnologie digitali ha riconfigurato i processi di produzione, riproduzione, conservazione e ricezione delle immagini, determinando così un cambio di paradigma i cui effetti vanno al di là della semplice – per quanto evidente – proliferazione di immagini che caratterizza la nostra epoca. Con la svolta digitale l’immagine non modifica solo il proprio supporto fisico, ma acquisisce un nuovo statuto ontologico, un nuovo significato sociale, un nuovo valore epistemologico e culturale.

In questa prospettiva il riferimento al tema della memoria è determinante, tanto sul piano individuale e soggettivo, quanto su quello politico e materiale. La memoria infatti, intesa non solo come facoltà individuale ma anche come fattore sociale e patrimonio culturale, è la dimensione in cui l’incidenza dell’innovazione tecnologica si è manifestata nel modo più radicale. Ciò vale tanto dal punto di vista delle potenzialità relative ai nuovi metodi di distribuzione, ricerca, indicizzazione e archiviazione delle immagini, quanto dal punto di vista dei pericoli insiti in pratiche che hanno conseguenze decisive sul piano comportamentale, fisiologico e neurologico. Per questa ragione, l’inquadramento del tema dal punto di vista dell’antropologia è un aspetto caratterizzante del convegno, così come l’attenzione alla dimensione storico-genealogica: l’obiettivo non è solo analizzare il modo in cui l’uomo ha modificato le immagini, ma anche e soprattutto tematizzare i processi le immagini hanno modificato e continuano a modificare l’uomo.

Il convegno si terrà presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” dal 20 al 22 Febbraio. L’iniziativa è organizzata con il supporto del progetto di ricerca Ethics, Logic and History of Values (E.L.A.H.O.V.), e con la collaborazione della rete di ricerca HermeNet (Hermeneutics Research Network).

Oltre alle relazioni degli ospiti invitati, sono previste relazioni da parte di studiosi selezionati tramite call. Sono accolte proposte relative ai temi del convegno, con taglio filosofico o interdisciplinare. Ecco una lista non esaustiva dei temi possibili:

  • Il rapporto tra memoria e tecnologie digitali dal punto di vista antropologico.
  • Il problema della memoria culturale alle luce delle nuove tecnologie.
  • Il ruolo delle immagini e l’evoluzione della cultura visuale.
  • Problemi politici e sociali legati alla diffusione, conservazione e riproduzione digitale delle immagini.
  • Il rapporto tra immagini digitali e storia della cultura.
  • Il problema della simbolizzazione e il nesso tra immaginazione e tecnologia digitale.
  • Le immagini digitali come nuova forma di comunicazione, di arte, di discorso pubblico.
  • Problemi antropologici, sociali e politici legati a nuove forme di cultura visuale.

 

Keynote Speakers

Mauro Carbone (Université Jean Moulin Lyon 3)

Emanuele Clarizio (Université de Technologie de Compiègne)

Xavier Guchet (Université de Technologie de Compiègne)

Graziano Lingua (Università di Torino)

Gemma Serrano (Collège des Bernardins, Parigi)

Matteo Treleani (Université de Lille)

 

Modalità di partecipazione

Gli interessati sono pregati di inviare un abstract breve (max. 500 parole) all’indirizzo immaginememoria@gmail.com. Alla mail deve essere allegato un file documento contenente l’abstract e il titolo dell’intervento, senza ulteriori informazioni. I candidati sono pregati di inserire informazioni personali (nome e cognome, affiliazione, posizione) nel corpo della mail. Si prega inoltre di evitare l’invio di file PDF.

Le lingue ammesse per l’invio delle proposte sono Italiano, Inglese, Francese e Tedesco.

Le proposte verranno sottoposte a un processo di blind review da parte del comitato scientifico. La scadenza per l’invio delle proposte è il 7 Gennaio 2019 alle ore 18.00. I risultati della selezione verranno comunicati entro Venerdì 11 Gennaio alle ore 18.00.

 

 


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search