Una risata ci seppellirà? Filosofia e stand-up comedy (I)

Alessandro De Cesaris

Marshall McLuhan lo diceva cinquant’anni fa: l’umorismo è una delle forme di comunicazione più importanti del nostro tempo. Nella nostra esperienza releghiamo le battute alla dimensione della chiacchiera quotidiana, dell’intrattenimento popolare, dell’evasione e, al più, del confronto politico. Ma l’umorismo è molto di più: uno strumento pedagogico, una forma simbolica, un modo di piegare la comunicazione al di là dei confini imposti agli strumenti canonici dell’informazione. Il visionario sociologo canadese lo affermava con la consueta radicalità: «Una battuta di spirito perspicace e incisiva può essere più significativa delle banalità rinchiuse tra due copertine»(1). Le sinapsi dello spettatore contemporaneo sono strette come viti, i tempi d’attenzione frazionati dalle nuove forme d’intrattenimento e di connessione. E così, mentre le folle chiudono i libri ed entrano sui loro profili Netflix per assistere all’ultimo special di Dave Chappelle, la filosofia resta a guardare. Ma il discorso non è così semplice.

Il nesso tra filosofia e comicità è antico, per quanto oscurato. Un antico dialogo di Luciano di Samosata, Una vendita di vite all’incanto, rappresenta Eraclito e Democrito come i due filosofi che si contrappongono proprio su questo piano nel leggere la realtà: per Eraclito, infatti, “tutto è tragico”, e il filosofo piangerebbe e osserverebbe il mondo triste, rassegnato dall’ineluttabile caducità di tutto ciò che è. Al contrario, a Democrito tutto appare ridicolo, del tutto contingente, uno scontrarsi di atomi privo di senso. Se la vocazione “tragica” della filosofia sembra aver avuto la meglio nella storia del pensiero, è difficile negare che l’atteggiamento democriteo riaffiora in tutte le epoche e in diversi autori, permettendo di tracciare un sorta di via minore del pensiero, che in diversi punti – basti pensare a Hegel, e soprattutto a Nietzsche – si intreccia con la via principale. L’aspetto più interessante, tuttavia, è che nella versione di Luciano Eraclito e Democrito ridono, in fondo, per la stessa ragione: l’irrilevanza di tutto ciò che è.

Photo by Dan Cook on Unsplash

La distinzione tra commedia e tragedia, in effetti, non riguarda propriamente la scelta dei temi, ma piuttosto il modo in cui vengono presentati i personaggi. La tradizione ha presentato questa distinzione attraverso il contrasto tra azione e carattere. Come ha recentemente fatto notare Giorgio Agamben (2), la tragedia è lo spazio dell’azione responsabile, della colpa, dell’errore fatale che distrugge l’eroe e la sua famiglia. Al contrario, la commedia è la dimensione del carattere, del personaggio rinchiuso in un modello immodificabile che al tempo stesso lo determina e lo scagiona di ogni colpa.

Osservando la stand up comedy odierna è il caso di chiedersi: e se fosse proprio questa distinzione a saltare? E se fosse proprio l’ostinato riferimento a questa griglia interpretativa a costituire la base dei mille scandali, delle incomprensioni, dell’attrito costante che si dà tra comici e opinione pubblica. Attrito che, inutile negarlo, è precisamente l’elemento che produce il fascino di questa pratica discorsiva.

Proprio così, una pratica discorsiva: se Agamben erige il muto Pulcinella come campione della sua idea di comicità, l’era contemporanea ci mostra un umorismo fatto quasi esclusivamente di parole. L’unità di tragedia e commedia, in questo modo, non diventa un destino ammantato di suggestioni manganelliane, ma piuttosto il segno tangibile di una novità teorica. Il comico e il tragico si sono spostati, danzano insieme, occorre ripensarne i passi e la reciproca posizione.

Non mi riferisco, ovviamente, alla comicità tout court, ma a un tipo molto specifico di comicità che mi sembra proprio del nostro tempo. Pur presentando delle attinenze con generi della comicità già consolidati nel passato, la stand up comedy se ne distingue per un costitutivo rifiuto di alcune dicotomie classiche, su tutte quelle tra azione e carattere. Solo considerando questo elemento è possibile venire a capo di alcuni paradossi nel modo in cui la comicità stand up viene recepita nello spazio pubblico, ma anche nelle vicende personali che hanno interessato, soprattutto di recente, alcuni grandi nomi di questa arte.

Photo by israel palacio on Unsplash

Facciamo un passo indietro e torniamo a McLuhan. Secondo lo studioso canadese l’aspetto decisivo dell’umorismo risiede nel fatto che esso non abbisogna di una linea narrativa forte, di una “storia” strutturata secondo i canoni aristotelici. L’evoluzione della comicità corrisponderebbe al passaggio dalla cultura gutenberghiana alla nuova cultura elettrica, con la sua implosione dello spazio, stratificazione del tempo e delocalizzazione dei punti di riferimento classici. E tuttavia occorre una precisazione: un discorso frammentato non è per forza un discorso irrazionale, né tantomeno un discorso che non possa avere un obiettivo unitario. Questa la tesi di partenza: occorre riconoscere che la stand up comedy è una grande forma di discorso morale, ricostruirne i meccanismi e le forme espressive, valutarne le potenzialità e i rischi non solo per la filosofia stessa e per la nostra idea di razionalità, ma per lo spazio pubblico.

Proprio come per la pubblicità, altra grande forma di discorso morale delle società industrializzate, non è affatto rilevante stabilire l’incidenza effettiva della stand up comedy per quanto riguarda i suoi effetti. Non importa, cioè, stabilire effettivamente quante persone modellino consapevolmente il proprio atteggiamento sulla base dei presunti “consigli” dei comici. Rispetto alla pubblicità, tuttavia, quest’ultima presenza una differenza: se la prima ha comunque come obiettivo esplicito proporre un valore, e persuadere il fruitore del messaggio sulla base di un chiaro endorsement assiologico, nel caso della stand up comedy il discorso si fa molto più complesso. Il modo in cui la comicità agisce sullo spettatore parte da una posizione ibrida, dislocata, da un passo di danza logico emotivo che consiste, essenzialmente, nel proporre discorsi razionali e nell’invitare esplicitamente a “non prenderli troppo sul serio”. Nella stand up comedy operano insieme un fattore pedagogico-linguistico, un fattore critico-satirico, un elemento catartico e uno ironico.

Occorre precisare che non basta individuare la stand up comedy come una forma di discorso morale. Questa forma di comicità ha già una storia consolidata. Tuttavia, a diverse fasi del genere corrispondono diversi tipi di discorso: se autori come Bill Cosby e Bob Hope rappresentano un tipo di comicità conservatrice e sostanzialmente in linea con lo status quo, in cui la lettura in chiave comica della vita quotidiana ha un effetto pacificatore e organico, il discorso cambia per artisti come George Carlin o Bill Hicks, veri e propri guru di quella che non si fa fatica a definire come una forma di critica sociale. Rispetto a queste figure, tuttavia, la nuova comicità stand up si caratterizza per degli aspetti del tutto peculiari, che riguardano innanzitutto la possibilità di demarcare un discorso morale come separato dal semplice intrattenimento, dall’ironia o dal disimpegno – e, talvolta, dal semplice cattivo gusto. La tentazione sarebbe quella di dire, applicando uno schemino hegeliano preso dai manuale delle scuole, che la nuova stand up comedy costituisce la verità delle prime due forme, le unifica presentando un discorso che occupa lo spazio della critica per lasciarlo del tutto vuoto. La nuova comicità si pone negli interstizi tra edificazione e perversione, politica e disimpegno, intrattenimento e catarsi sociale.

Il quadro, come si vede, appare piuttosto complesso: questa forma di comicità non può essere ridotta a strumento pedagogico, ma nemmeno a un intrattenimento d’evasione. Non si tratta di un discorso argomentativo nel senso proprio del termine, ma neppure di una performance di nonsense (parlerò, a questo riguardo, di un vero e proprio “sillogismo umoristico”). Al tempo stesso, tuttavia, la nuova comicità non rifiuta nessuno di questi elementi, ponendosi al culmine di un’evoluzione durata decenni, e caratterizzata da fasi che occorrerà analizzare nelle loro reciproche differenze. Al centro di questa evoluzione c’è il sorprendente parallelismo tra il destino della stand up comedy e l’identità dell’uomo contemporaneo, un’identità stratificata, socialmente sfuggente, politicamente irriducibile ad alcuna contrapposizione classica.

Questa voleva essere solo un’introduzione, ma il discorso andrà sviluppato a lungo. Si tratta di un percorso accidentato, che è il caso di intraprendere avendo sotto gli occhi casi specifici. Tra una risata e uno scandalo, e ricordando che scherzare è una cosa seria.

 

(1) M. McLuhan, Q. Fiore, The Medium is the Massage, Gingko Press 1967, p. 10.

(2) G. Agamben, Pulcinella ovvero divertimento per li regazzi, Nottetempo 2016.


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search