CFP: «L’etica nel futuro» (Società italiana di Filosofia Morale, 30 Maggio – 1 Giugno 2019)

Call for papers

Convegno Società Italiana di Filosofia Morale

30 maggio –I giugno 2019

 

L’etica nel futuro

 

Scadenza 28 febbraio 2019

 

(testo completo della call scaricabile qui)

Dinanzi alle incertezze del presente, negli ultimi anni la domanda di futuro è cresciuta fino al punto da dar vita ai Future studies, nati con l’obiettivo di analizzare i futuri “possibili, probabili e preferibili” e le visioni culturali, politiche, tecnologiche che ne stanno alla base. Un laboratorio di studi dal carattere interdisciplinare, in cui vengono interpellate le scienze sociali e quelle fisiche e in modo crescente le scienze della vita, che comunicano, attraverso i processi di digitalizzazione, e dando vita alla Technological convergence, un sistema di implementazione di tutte le forme di comunicazione che proietta le categorie tradizionali in un nuovo sistema, dove il futuro ci viene mostrato come già presente. Per la funzione centrale che queste scienze e tecnologie ricoprono nella gestione della nostra vita quotidiana abbiamo così finito per riconoscere loro tutta la responsabilità nella costruzione di scenari futuri.

In questa dimensione utopica, dove però si lasciano scorgere anche possibili esiti distopici, si avverte la mancanza di una attenta riflessione e rinegoziazione dei fini, e la necessità di riguadagnare all’etica un ruolo centrale; di qui la scelta del tema del convegno del 2019 della Società italiana di filosofia morale, dedicato a L’etica nel futuro, con l’obiettivo di interrogarsi su un’etica per il futuro, riprendendo l’invito alla responsabilità che ha segnato una svolta nella riflessione morale del Novecento. Ma non si tratta solo di questo. Il convegno della SIFM intende aprire un dibattito più ampio relativo a quale etica vogliamo immaginarci per il futuro.

Che tipo di etica determinerà il nostro rapporto con le nuove tecnologie? Quali valori e legami potranno garantire una convivenza pacifica in un contesto in cui l’inospitalità di ampie regioni del mondo dovuta a povertà, guerre e mutamenti climatici è destinata inevitabilmente ad accrescere i flussi migratori da nord a sud? Quali principi morali possono riaffermare, in ambito sociale, scelte che riconsiderino il ruolo dello stato sociale, tutelando il diritto alla salute di tutti? Queste domande che oggi sono già molto forti, segnando con l’incertezza e il dubbio il nostro presente, ci invitano a pensare il futuro in modo nuovo.

Per guardare, pur nelle difficoltà del presente, alle opportunità che si possono aprire nel futuro sarà necessario partire dal dialogo con le scienze, dal confronto intergenerazionale, da una riflessione sui principi dell’etica, dal ripensare l’emergenza di nuove povertà e ineguaglianze e, in ultima istanza, dal chiederci ancora una volta per quale immagine dell’uomo vogliamo lavorare.

 

A partire da queste sollecitazioni, il convegno si articolerà in tre panel:

 

  1. Cura e vulnerabilità

In questo panel si intende indagare le questioni legate alla vulnerabilità umana: curare le ferite, prendersi cura delle persone. Nuove sfide e questioni antiche: la cura tra prossimità e distanza, tra compassione e competenza. Indagini di carattere etico-antropologico e fenomenologico-esistenziale sullo statuto dei fenomeni difettivi nella vita personale.

 

  1. Tecnologia e umanità

In questo panel si intende indagare la necessità di una rimodulazione del rapporto tra mezzi e fini, e quindi del nesso tra nuove tecnologie e questione del neoumanesimo. La digitalizzazione e i suoi effetti sui rapporti umani. Le sfide della biorobotica: cura “per procura”? Il dibattito sullo “human enhancement”. Indagini interdisciplinari intorno al rapporto tra etica, scienza e biotecnologie.

 

  1. Pubblico e privato

In questo panel si intende indagare il dibattito tra riduzionismo e olismo, ricadute dirette e indirette su rapporto tra pubblico e privato. I codici deontologici tra presente e futuro. L’etica tra nuove forme di biopotere e biodiritto. Indagini intorno al rapporto tra etica fondamentale e applicata, etica privata ed etica pubblica.

 

Gli autori che intendano presentare un contributo dovranno inviare due file in formato word (.doc) all’indirizzo mail: segreteria@sifm.it entro e non oltre il 28 febbraio 2019.

 

Il primo file deve contenere l’abstract che gli autori intendono presentare per la valutazione. L’abstract non deve superare le 500 parole (bibliografia, titolo ed eventuali note inclusi) e deve essere blind – ovvero non deve contenere alcuna informazione riguardante l’autore o gli autori del contributo stesso.

 

Il secondo file deve, invece, contenere:

Il titolo dell’abstract.

Il nome o i nomi degli autori.

Gli indirizzi mail dell’autore o degli autori – in caso di più autori si prega anche di indicare quale autore deve essere considerato corresponding author.

L’affiliazione dell’autore o degli autori.

L’indicazione della sezione per la quale si intende presentare il contributo (cfr. supra 1-3).

 

Date importanti:

Scadenza per l’invio dei contributi: 28 febbraio 2019.

Comunicazione dell’esito della valutazione da parte del Comitato Scientifico: 7 aprile 2019.

Convegno: 31 maggio-I giugno.

La selezione sarà a cura del direttivo della SIFM.


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search